Arcobaleno di Zucchero

Arcobaleno di Zucchero

mercoledì 24 settembre 2014

Pane fatto in casa

Quella di oggi non è una ricetta dolce, ma siccome il pane è una di quelle cose che adoro fare in casa, ed in questo momento l'ho appena sfornato, ( in cucina c'è un profumino... ), vi scrivo il mio metodo di preparazione. Per me è una gran soddisfazione e un naturale anti stress,  poter impastare con le mani, veder lievitare e cuocere i miei panini anche nel semplice forno di casa.
Di solito utilizzo 2 kg. di farina facendo due infornate, più che altro per un risparmio energetico, visto che il forno è già caldo e perchè no, a volte preparo anche una bella torta.
Qui sotto c'è la foto del mio pane ancora tiepido e come potete vedere il panino tagliato è ben alveolato, risultato di una buona lievitazione.
Vi lascio la dose per 1 kg. di farina, poi vedete voi, anche in base alle vostre esigenze, se raddoppiare o no la dose.




       Ingredienti:

  • 1 kg. farina tipo "Manitoba"   ( adatta per la panificazione )
  • 600 ml. acqua appena tiepida
  • 3 cucchiaini di sale fino   ( più o meno sale dipende dal gusto personale )
  • 1 pizzico di zucchero
  • 1/2 cubetto di lievito di birra  ( circa 12-13 g )
Munitevi di una ciotola capiente e versate la farina miscelata al sale.
In una tazza mettere il lievito spezzettato, lo zucchero e un po' di acqua tiepida, mescolare con un cucchiaino fino a completo scioglimento, quindi lasciare riposare qualche minuto perchè il lievito inizi ad attivarsi.
Versare quindi la miscela nella farina e iniziare a mescolare con le mani aggiungendo un po' alla volta l'acqua rimasta. In questa fase la quantità di acqua può variare in base al tipo di farina usato, la quale può richiedere ancora l'aggiunta di altra poca acqua, mentre se rimane un po' troppo umido aggiungere ancora poca farina.
Impastare e strappare l'impasto più e più volte, finchè non risulterà ben amalgamato e morbido, ci vorrà circa 1/4 d'ora.
Lasciare riposare il panetto ottenuto, nella ciotola coperta da un canovaccio inumidito fino, almeno a raddoppiare di volume. Ci vorranno dalle 6 alle 8 ore, molto dipende dalla temperatura ambiente,
in estate con più caldo lievita prima mentre in inverno bisognerà lasciarlo di più.
Trascorso il tempo di lievitazione, staccare delicatamente l'impasto con le mani e versarlo su di una spianatoia infarinata abbondantemente e con una spatola apposita tagliare in pezzi più o meno grandi, io con questa quantità di impasto di solito faccio 8 o 9 panini.
A questo punto coprire nuovamente con un canovaccio a lasciare lievitare una seconda volta, dai 30 minuti ad un'ora. Nel frattempo accendere il forno( io uso il ventilato ), alla temperatura massima di  250° circa.
Trascorsa la seconda lievitazione prendere i panini con la spatola, ma molto delicatamente e porli su due teglie da forno infarinate, fare delle incisioni su ognuno per aiutare il pane a crescere in cottura.
Mettere nel forno, nella parte più bassa, una piccola scodellina contenente qualche cucchiaio di acqua (anche questo aiuta il pane a lievitare meglio), infornare e cuocere qualche minuto a 250°, poi abbassare la temperatura a 220°, trascorsi 7-8 minuti aprire il forno e spostare le teglie, quella sopra metterla sotto e viceversa ( questa operazione serve a far cuocere in modo uniforme ). Trascorsi 15 - 18 minuti il pane è cotto e ben dorato, comunque controllare sempre poichè ogni forno cuoce in modo diverso.
Mettere a questo punto i panini sulla spianatoia e, coperti da un canovaccio asciutto, lasciarli raffreddare.
Potete conservarli  nel congelatore mettendoli in  sacchetti per alimenti.

P.S. Il segreto per un buon pane è comunque sempre un'ottima farina e la pazienza di impastare a lungo, volendo si può usare un'impastatrice elettrica, ma per me è, e sarà sempre migliore il metodo manuale.

sabato 20 settembre 2014

Dolcetti di carote e noci con glassa all'arancia

Quest'oggi mettiamo da parte le torte decorate poichè vi voglio lasciare la ricetta di questi dolcetti alle carote, che a parer mio e di chi li ha assaggiati, sono di una morbidezza e con un sapore così gradevole al palato, che uno tira l'altro.
La trovai diversi anni fa su di un libro e dopo averla provata, per paura di non ritrovarla più, me la scrissi sul mio ricettario.Ho fatto alcune piccole modifiche, ed ho provato a farne una versione più leggera, senza burro ma con l'olio di semi, anche così il risultato è stato ottimo.
Provateli e non ve ne pentirete!


Dolcetti di carote e noci con glassa all'arancia

         Ingredienti:

  • 300 g. carote già pelate
  • 120 g. burro (oppure 110 g. di olio di semi)
  • 120 grammi zucchero
  • 1 uovo
  • 150 g. farina 00
  • 80 g. noci tritate
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • 1 pizzico di sale
         Per la glassa:
  • 100 g. zucchero a velo
  • 2 cucchiai di succo d'arancia
  • la buccia grattugiata di 1/2 arancia
                                                                DOSE PER CIRCA 35 DOLCETTI
                                                                TEMPO DI COTTURA 15 MINUTI

Per prima cosa tagliare le carote a pezzi, mettendole nel cestello della pentola a pressione con un po' di acqua sul fondo, chiudere e cuocere per circa 10 minuti, se le cuocete non a pressione ci vorranno circa 30 minuti, (meglio non bollirle completamente nell'acqua, poichè perdono sapore e in più si impregnano troppo di acqua).

Passarle quindi al passaverdura e metterle in una ciotola che inclinerete leggermente, così da poter eliminare eventualmente un po' del loro liquido, assorbendolo con un pezzo di carta da cucina, quindi lasciare raffreddare.

Nel frattempo lavorare il burro morbido a pomata con lo zucchero e un pizzico di sale, fino a rendere il composto morbido e spumoso, quindi unire l'uovo ed amalgamarlo al composto.

Setacciare la farina con il lievito ed incorporare al tutto alternando con la purea di carote ormai fredda, aggiungere infine le noci tritate.

Coprire una teglia con un foglio di carta da forno, prendere delle mezze cucchiaiate di composto e fare dei piccoli mucchietti un po' distanziati tra loro.

Porre la teglia nel forno caldo a 180° per circa 15 minuti (se il forno è ventilato impostare a 160°), non devono colorire troppo.
Nel frattempo preparare la glassa mescolando allo zucchero a velo, la scorza grattugiata e il succo di arancia.
Una volta sfornati i dolcetti lasciarli intiepidire e poi spennellarli uno ad uno con la glassa, metterli quindi ad asciugare e a raffreddare su di un vassoio.

A questo punto posizionarli sul piatto da portata e servire.

     E.... BUON APPETITO!!!!

P.S.
Nel caso vogliate fare la versione con l'olio, vi consiglio, anzichè fare i mucchietti sulla carta forno, mettere la stessa quantità di impasto dentro ai pirottini dei muffin, per il semplice motivo che con l'olio l'impasto rimane un po' meno compatto e rischierebbe di allargarsi troppo in cottura.

mercoledì 17 settembre 2014

Pasta di gomma 2 (con burro di cacao)

Saluti a tutti, oggi vi scrivo una seconda ricetta per fare una pasta di gomma, ideale, secondo me per modellare dei soggetti che poi induriscono e possono tranquillamente essere conservati nel tempo.
Anche questa l'ho trovata in internet e precisamente dal blog " School of Sugarcraft ", l'ho provata è
mi ha soddisfatta per la sua malleabilità.


      Ingredienti:


  • 500 g. zucchero a velo   (rigorosamente acquistato)
  • 15 g. glicerina
  • 60 - 65 g. acqua
  • 60 - 65 g. glucosio
  • 1 cucchiaio di burro di cacao
  • 6 g. gomma adragante oppure cmc
   (In base alle vostre esigenze raddoppiate le dosi)


Setacciare lo zucchero a velo nella planetaria ed aggiungerci la gomma adragante o il cmc, nel frattempo mettere in un pentolino la glicerina,l'acqua, il glucosio e il burro di cacao facendo sciogliere molto lentamente senza far bollire.
Azionare la planetaria e versare sullo zucchero il liquido ancora caldo lasciando impastare il più possibile, ultimando poi il lavoro su di una spianatoia lavorando con le mani.
Il panetto a questo punto sarà ancora abbastanza morbido, avvolgerlo in una pellicola e poi in un sacchetto ben chiuso e lasciarlo riposare per almeno una notte.
Si può a questo punto dividere per colorare con i colori in gel o in pasta nelle sfumature che servono e modellare, lasciando poi il soggetto ad indurire.
Il mio consiglio è quello di preparare le decorazioni sempre alcuni giorni in anticipo, così da dare il tempo alla decorazione di asciugare per bene e non rischiare che si deformi spostandola o trasportandola.



Ecco a voi la mia torta " La Sirenetta " realizzata con questa pasta di gomma.



Torta " La Sirenetta e Sebastian"

Torta particolare di Sebastian

sabato 13 settembre 2014

Pasta di gomma ( per creare fiori )

Quest'oggi vi posto la ricetta da me preferita per realizzare la pasta di gomma fatta in casa, detta anche gum paste od ancora flower paste. E' un tipo di pasta che può essere stesa molto sottilmente senza rompersi, in questo modo i petali ed infine tutto il fiore ha un effetto molto naturale, quasi da sembrare reale. L'ho presa dal blog " Torte e decorazioni ".

      Ingredienti:

  • 2 albumi d'uovo   (circa 75 g.)
  • 500 g. zucchero a velo + altri 50 g.
  • 1 cucchiaino di gomma adragante o di CMC
  • 2 cucchiaini di strutto ( circa 20 g.)


Nella planetaria frullare una decina di secondi gli albumi e sempre mescolando versare a pioggia lo zucchero, unire la gomma adragante o il CMC e lo strutto girando ancora alcuni minuti.
Su una spianatoia mettere qualche cucchiaio di zucchero a velo preso dai 50 g. rimasti, versarvi sopra l'impasto e lavorare con le mani  per renderla omogenea, se è ancora appiccicosa aggiungere altro zucchero a velo.
Se si vuole colorare l'impasto usare coloranti in pasta o in gel.
Avvolgere il panetto in una pellicola trasparente e poi in un sacchetto e mettere in frigo per un giorno dopo di che si può usare.
( In frigorifero dura qualche mese, congelata a piccoli pezzi può durare anche un anno).

Lavorare poco impasto alla volta poichè tende a seccarsi molto in fretta, coprire con una pellicola i petali  appena preparati e toglierli solo nel momento in cui vengono posizionati per creare il fiore.


Eccovi ora una torta decorata con rose fatte proprio con questa pasta di gomma.


Torta Cresima con rose

Torta Cresima con rose




giovedì 11 settembre 2014

Torta montagna

Oggi la pagina la dedico a mio figlio, grande appassionato di montagna, di scalate e di "passeggiate" in alta quota. E' già stato in Nepal alcuni anni fa, e visto che la maestosità di quei posti assieme alla semplicità e disponibilità di quanti, lì sono nati e molto modestamente ci vivono, gli è rimasta nel cuore, ora si sta preparando a ritornarci per la seconda volta.
Proprio per questo in occasione del suo venticinquesimo compleanno gli ho preparato questa torta.




Torta montagna"Everest"



Le decorazioni a sinistra sono in pasta di zucchero, a destra lo "Stupa" monumento buddhista e i cartelli sono in pastillage, le bandierine in pasta di gomma e per finire l'Everest è fatto con una pasta di cereali alla nutella modellata con le mani, ricoperta di cioccolato fondente e dipinto con colorante alimentare bianco.
A questo riguardo vi lascio ora la ricetta della pasta di cereali che ho trovato su internet e più precisamente sul sito "Le dolci Ricette".

                                          PASTA DI CEREALI ALLA NUTELLA

       Ingredienti:

  • 70 g. miele
  • 70 g. zucchero
  • 70 g. nutella
  • 100 g. riso soffiato bianco o al cioccolato


Sciogliere in un pentolino il miele e lo zucchero fino alla prima bollitura (non troppo altrimenti caramella), togliere dal fuoco, unire la nutella e il riso soffiato mescolando bene. Trasferire sul piano da lavoro e modellare con le mani creando la sagoma desiderata, ma senza aspettare troppo altrimenti indurisce, oppure se ci serve una forma più squadrata e regolare, mettere l'impasto in un contenitore foderato di carta forno o di pellicola trasparente, premendo bene, e una volta che si è indurito si può modellare con un coltello, creando ciò che ci serve.
Se vogliamo ricoprire la nostra creazione con la pasta di zucchero, per farla aderire, basta spennellarla con un po' di colla edibile, oppure della gelatina od ancora con della marmellata.



Ecco ora le foto di altre torte che ho fatto a tema " montagna".

Arcobaleno di Zucchero
Torta scalatori

Arcobaleno di Zucchero
Torta scalatore al tramonto

Arcobaleno di zucchero
Torta camminatore con cane











lunedì 8 settembre 2014

Mud cake al cocco

Quando vogliamo fare una torta decorata in pasta di zucchero, abbiamo bisogno di avere una base con una struttura non troppo morbida, altrimenti si rischia di ottenere un risultato finale poco soddisfacente, poichè, il peso della pasta di zucchero ed eventuali decorazioni, potrebbero afflosciarsi un po', così da deformare la nostra creazione. Proprio per questo vi voglio dare questa ricetta che ho trovato in internet, l'ho provata per realizzare una torta decorata e mi è piaciuta molto, sia per la sua struttura e sia per il sapore.
La mud cake è una torta che ha molte varianti di gusto, ma siccome io sono una grande amante del cocco, per prima vi voglio presentare questa MUD CAKE AL COCCO.

       Ingredienti:
  • 220 g. burro
  • 325 g. zucchero di canna
  • 3 uova
  • 130 g. cocco disidratato
  • 360 ml. latte intero
  • 360 g. farina 00
  • 1 bustina di lievito
Montare molto bene il burro assieme allo zucchero. Aggiungere le uova, uno alla volta, a seguire il cocco e il latte ed infine la farina setacciata con il lievito.
Imburrare ed infarinare una tortiera e versare l'impasto. Posizionare nel forno caldo a 160° per circa 1ora e 15 minuti, comunque il tempo può variare un po' in base al tipo di forno, per qui, fare la prova stecchino prima di sfornarla, infilandolo al centro della torta e dalla quale deve uscire pulito.



Vi posto anche la foto di una torta mud cake al cocco che ho preparato per mio figlio e la sua ragazza in occasione di San Valentino. Era farcita con una crema di panna , mascarpone e latte condensato, ci ho aggiunto un po' di salsa al caramello e l'ho  decorata con cioccolato plastico bianco e colorato con colore rosso in pasta.

                                   

Mud cake al cocco decorata con cioccolato plastico bianco

venerdì 5 settembre 2014

Pasta di zucchero senza burro

Questo tipo di pasta di zucchero va anche bene per ricoprire le torte, ma è meno malleabile e più asciutta, a mio riguardo è particolarmente indicata per realizzare soggetti tipo stemmi, centrini o qualunque sagoma che si voglia intagliare per poi essere posizionata sulla nostra torta.
Il mio consiglio è di preparare le sagome che ci servono qualche giorno prima, così che abbiano il tempo di indurirsi un po' e quindi possano essere maneggiate più agevolmente senza rischiare di deformarle mentre le si completa colorandole con pennarelli alimentari o altri colori edibili.



     Ingredienti:

  • 450 g. di zucchero a velo      (rigorosamente acquistato e setacciato)
  • 50 g. di glucosio                    (oppure miele di acacia)
  • 30 ml. di acqua
  • 5 g. di gelatina                       (colla di pesce in fogli)
Mettiamo lo zucchero setacciato nella planetaria o in un robot da cucina.
In un pentolino versiamo l'acqua ed uniamo i fogli di gelatina per circa 10' minuti per farla ammorbidire.
Aggiungiamo il glucosio (o il miele) e mettiamo sul fuoco molto basso, sempre mescolando sciogliamo il tutto facendo attenzione a non far bollire.
A questo punto versiamo il nostro liquido caldo allo zucchero a velo ed azioniamo la planetaria, lavoriamo a media velocità e se notiamo che la massa è troppo dura aggiungiamo un mezzo cucchiaino di acqua magari scaldato nel pentolino di prima. Una volta che la massa si sarà un po' raggruppata la posizioniamo su una spianatoia, se è il caso, leggermente cosparsa di zucchero a velo, ed impastiamo ancora un po' con le mani fino a formare un panetto liscio simile al pongo.
A questo punto può essere colorata con i coloranti alimentari in gel o in pasta. Se si hanno solamente i  coloranti liquidi  bisognerà sostituire tutta l'acqua o in parte con questi, poichè se venissero aggiunti all'impasto già pronto si rischierebbe di ammorbidire troppo la pasta, una cosa da sapere è che con i coloranti liquidi non si potrà mai avere un colore molto carico, risulterà un color pastello.
Avvolgiamo il panetto in una pellicola trasparente e poi in un sacchetto ben chiuso. Questa pdz può essere conservata anche alcuni mesi in dispensa, poichè non contiene burro.
 Quando è il momento di usarlo per le nostre decorazioni, lavorarlo molto con le mani fino ad ammorbidirlo bene, altrimenti si formeranno delle crepe.

P.S. Io in questa fase, se trovo il panetto troppo secco,mentre lo impasto, mi ammorbidisco le mani con un velo di margarina.



Ecco due esempi dell'uso fatto da questa pasta di zucchero, lo stemma della Juve e lo scudetto.
Queste torte le ho fatte per mio cognato,come si può ben capire, tifosissimo per la squadra della Juventus.
La base una torta al cioccolato, nocciole,mandorle e amaretti.

Torta " Stemma Juventus "

Torta " Scudetto Juvestus "
Tutte e quattro assieme per i festeggiamenti!

Torte " Juventus "

giovedì 4 settembre 2014

Pasta di zucchero

Oggi vi scrivo la mia ricetta preferita per fare la pasta di zucchero in casa.
Ne ho provate molte, ma questa è perfetta sia per ricoprire le torte che per modellare soggetti vari, è molto malleabile e nello stesso tempo regge bene anche facendo soggetti di media grandezza.


       Ingredienti:

  • 450 g. di zucchero a velo       (rigorosamente acquistato e setacciato)
  • 70 g. di glucosio                     (oppure miele di acacia)
  • 30 ml. di acqua
  • 6 g. di gelatina                        (colla di pesce in fogli)
  • 8 g. di glicerolo
  • 16 g. di burro   

In un pentolino mettere l'acqua fredda e  la gelatina ad ammorbidire per una decina di minuti. Unire quindi il glucosio e far sciogliere a fuoco basso senza assolutamente lasciar bollire, aggiungere il burro e il glicerolo.
Versare il liquido caldo nella planetaria (o robot da cucina) dove avrete in precedenza setacciato lo zucchero a velo e far impastare fino a che non si amalgama un po' l'impasto, quindi si mette il tutto su una spianatoia cosparsa leggermente di zucchero a velo e si impasta ancora con le mani fino a formare un bel panetto morbido.
Avvolgerlo in una pellicola trasparente e poi in un sacchetto per alimenti e lasciar riposare per almeno 12 ore in dispensa. Mai in frigo.
La si può colorare con colori alimentari in gel, in pasta e volendo anche in polvere, in questo caso unire il colorante ad una puntina di burro così da formare una pasta colorata. I coloranti liquidi non sono molto indicati in quanto colorano poco, e comunque vanno usati eventualmente sostituendo l'acqua della ricetta, poichè aggiunti dopo farebbero diventare la pasta troppo molle.

P.S. Il glicerolo si acquista in farmacia, aiuta la pasta ad avere una miglior elasticità e un colore più lucido. Se non lo avete potete anche ometterlo.







                                                           TORTA HELLO KITTY
                                                  E' realizzata con questa pasta di zucchero.

Torta Hello Kitty 2
Altra torta con Hello Kitty

Torta "Hello Kitty 1"