Arcobaleno di Zucchero

Arcobaleno di Zucchero

lunedì 12 gennaio 2015

Frittelle di Carnevale con Philadelphia

Buon lunedì a tutti voi!
Tra poco inizierà il carnevale, festa che si celebra nei paesi di tradizione cristiana. I festeggiamenti si svolgono con sfilate pubbliche di carri allegorici ed i partecipanti rigorosamente in maschera.
La parola carnevale deriva dal latino "carnem levare" (eliminare la carne), che in antichità indicava il banchetto che si teneva il martedì grasso, l'ultimo giorno, appunto del carnevale, che porta all'inizio della quaresima con l'astinenza ed il digiuno.
Avendo in frigorifero del formaggio philadelphia che si avvicinava alla scadenza, ho deciso di provare a fare delle frittelle, uno dei dolcetti tipici del periodo carnavalesco.


          Ingredienti x circa 20 frittelle:

  • 160 g. philadelphia
  • 60 g. uvetta sultanina
  • 1/2 bicchiere di Rum
  • 2 uova grandi
  • 50 g. zucchero
  • 150 g. farina per dolci auto lievitante (in alternativa, aggiungere alla farina 00 un cucchiaino raso di lievito per dolci)
  • 50 g. farina di mandorle
  • 1 pizzico di sale
  • olio di semi q.b.
  • zucchero a velo q.b.

Ammollare l'uvetta per almeno quindici minuti nel rum, nel frattempo mescolare la philadelphia con lo zucchero, un pizzico di sale e poi, aggiungendo un uovo alla volta.


Unire quindi la farina di mandorle e poca alla volta la farina auto lievitante mescolando per bene, tenendone da parte un cucchiaio che servirà per infarinare l'uvetta tolta dal bagno nel rum.




Unire a questo punto l'uvetta infarinata all'impasto e mescolate aggiungendo uno o due cucchiai di rum, per ammorbidire un po' il tutto.


Scaldare abbondante olio di semi in una padella e prendendo delle mezze cucchiaiate di impasto immergerle per farle dorare, abbassando la fiamma se necessario.


Girare le frittelle non appena iniziano a dorare.


Rigirarle ancora qualche istante, proprio per far si che cuociano bene all'interno, quindi metterle ad asciugare su della carta da cucina e proseguire con il restante impasto.


Non appena si saranno asciugate ed intiepidite, disporle su di un piatto da portata, cospargerle di zucchero a velo e servire.


MEGLIO GUSTARLE APPENA FATTE,
ANCHE SE IL GIORNO DOPO SONO 
ANCORA BUONE, MA MENO SOFFICI.

4 commenti:

  1. Che bella idea!!! mai provate fatte con il formaggio nell'impasto!
    Da noi usano semplici semplici..... le proverò sicuramente!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa, provale, a me sono piaciute! Ciao

      Elimina
  2. Ciao Daniela, che belle frittelle, e che belle le tue torte! Aspetto tue nuove creazioni! Quando vuoi passa a trovarci sul blog "Frizzi e Pasticci", anche noi ci dilettiamo nell'arte della pasticceria: ci scambieremo qualche ricettina! Ciao ciao. la tua nuova follower Cecilia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i complimenti, mi fanno sempre molto piacere! Sono passata a dare un'occhiata al vostro blog, molto bello e ricco di ricette varie da provare sicuramente. Ci leggiamo al prossimo post allora! Ciao Cecilia

      Elimina

Se vi fa piacere, lasciate un commento. Grazie!